Black Wizard + Forte del Tempo - Lullaby romanzi rosa

[...]Tommy ed io quella sera facemmo l’amore e io gli fui grata per non aver acceso la luce, salvo che poi passai il giorno dopo a chiedermi se avesse evitato di farlo perché aveva intuito la mia vergogna o non piuttosto per nascondere il suo stesso imbarazzo. Non fu gentile, non fu delicato. Pensai che il suo assalto rabbioso e privo di riguardi, fosse stato giustificato dal mio comportamento. In fondo mi ero comportata come una zoccola e lui come tale mi aveva trattata. Così mi aveva scopato senza mai guardarmi negli occhi, a malapena mi aveva baciata. La sua bocca aveva percorso il mio viso frettolosamente. Mi aveva infilato la lingua in bocca, e quando avevo risposto al bacio, si era ritratto. [...]

[...]Adesso i rumori della città si stanno spegnendo e il mio cuore è pesante e svuotato al tempo stesso. È una pesantezza che mi fa pensare alla vecchiaia. Come chi ha molto vissuto è consunto dal tempo e dall’esperienza, così forse la stanchezza del mio cuore è dovuta al troppo amare di questi anni. Il mettere la propria vita nelle mani di una persona è un errore, adesso lo so. Poiché le persone sono inaffidabili, la loro volontà cambia, è mutevole, a volte imprevedibile. Soprattutto le persone come Tommy. Lui è egocentrico e geniale e mi conosce fin troppo. Essere al centro delle sue attenzioni è stata l’esperienza più entusiasmante della mia vita, esserne estromessa è stato annientante.[...]